corso inglese bambini pattern

La festa della mamma è una ricorrenza civile diffusa in tutto il mondo, celebrata in onore dellafigura di madre, del ruolo della maternità e dell’influenza sociale rivestita (o che dovrebbe essere) delle madri. Non esiste un unico giorno dell’anno in grado di accomunare tutti gli Stati che la festeggiano.

Negli Stati Uniti, in Italia, in Ucraina, in Svizzera ed in altri Paesi Occidentali, viene festeggiata la seconda domenica di maggio. Le sue origini sembrerebbero essere legate alleantiche popolazioni politeiste che, nel periodo primaverile, erano solite celebrare le divinità femminili, connesse alla produttività della terra e alla sua fertilità.

Gli antichi greci dedicavano alla figura femminile un giorno dell’anno: la festa coincideva con le celebrazioni in onore della dea Rea, la madre di tutti gli Dei. Gli antichi romani, festeggiavano una settimana intera la divinità Cibele, simbolo della Natura e di tutte le madri. In epoca moderna ogni stato e paese ha interpretato e festeggiato questa ricorrenza in modi diversi. Il punto d’incontro di ogni tradizione è stato, però, l’aver messo al centro il ruolo e la figura della mamma. In Inghilterra le celebrazioni risalgono al XVII secolo. All’inizio il “Mother’s Day” aveva un significato del tutto differente dall’attuale festa. Il “Mothering Sunday”, che coincideva con la quarta domenica di Quaresima, era il momento in cui i bambini che vivevano lontano dalle famiglie, chi per studiare e chi per lavorare, tornavano a casa per un giorno. Piano piano la ricorrenza ha messo in risalto tutto la famiglia, specialmente la figura della mamma, considerata fondamentale per l’andamento dell’intero nucleo familiare. I ragazzi che facevano visita alle loro famiglie portavano alle mamme fiori o altro genere di regali. La tradizione del “Mothering Sunday” sopravvive ancora oggi in Inghilterra, dove è più comunemente conosciuta come “Mother’s Day” (Festa della mamma). A differenza dell’Inghilterra, negli Stati Uniti il “Mothering Sunday” non ebbe successo, dal momento che la popolazione era restia alle tradizioni popolari. Per questo motivo la festa della mamma si diffuse negli Stati Uniti come una festività legata ai movimenti sociali che chiedevano il suffragio alle donne e predicavano la pace. Negli Stati Uniti nel maggio 1870, Julia Ward Howe, attivista pacifista e abolizionista, propose di fatto l’istituzione del Mother’s Day for Peace, come momento di riflessione contro la guerra, ma non fu fatto con successo. Altro nome legato all’origine della festività è quello di Anna M. Jarvis, che si batté per l’istruzione di una festa in onore di tutte le vittime della Guerra Civile americana. Dopo la morte della madre, alla quale era molto legata, Anna cominciò a inviare lettere a diversi ministri e membri del congresso, affinché venisse istituita una festa nazionale dedicata a tutte le mamme.L’obiettivo di Anna era quello di fare in modo che tutti celebrassero la loro madre, mentre questa era ancora in vita. Anna riuscì nel suo intento e nel maggio del 1908, a Grafton nel Massachusetts, venne celebrata la prima festa della mamma. L’anno seguente fu la volta di Filadelfia. La Jarvis scelse, come simbolo di questa nuova festa, il garofano: il fiore preferito dalla sua defunta madre. Nel 1914 l’allora presidente degli Stati Uniti d’America Woodrow Wilson, per dimostrare profondo rispetto nei confronti di tutte le mamme, con una delibera del Congresso, istituì il “Mother’s Day”. Non venne stabilita una data fissa sul calendario ma, per convenzione, si decise di celebrare tutte le mamme americane la seconda domenica di maggio.In Italia la festa della mamma fu festeggiata per la prima volta negli anni ’50 da Raul Zaccari, Senatore e Sindaco diBordighera (la cui idea maturò insieme a Giacomo Pallanca, Presidente dell’Ente Fiera del Fiore e della Pianta Ornamentale di Bordighera-Vallecrosia), su iniziativa del quale venne celebrata a Bordighera la seconda domenica di maggio del1956 (al Teatro Zeni e successivamente al Palazzo del Parco), e da don Otello Migliosi in Umbria, a Tordibetto di Assisi, nel1957. Successivamente la festa è entrata a far parte del nostro calendario e, come in molti altri Paesi, viene celebrata la seconda domenica di maggio.

Ti potrebbero interessare anche

Come preparare la zucca per Halloween

Fantasmi, streghe, zombie sono tutti divertenti protagonisti della notte di Halloween, ma l’immagine più rappresentativa è senza dubbio la zucca. L’origine si trova in una leggenda irlandese secondo cui un ubriacone di nome Jack, cacciato dal paradiso e dall’inferno, avrebbe vagato per anni con una "lanterna" composta da un tizzone ardente e una rapa.

Leggi tutto...

Berlitz Day camp

L’associazione sportiva A.P.D. La Salle e la scuola di lingue Berlitz organizzano da tempo Day Camp settimanali, un’alternativa valida ai Summer Camp in Italia e all'estero, durante i quali bambini e ragazzi di tutte le età (dai 5 ai 14 anni) possono divertirsi, praticare attività sportive e imparare l’inglese.

Leggi tutto...

Ragnetti dolci e salati per Halloween

La notte di Halloween è vicina e i bambini stanno già pensando alle maschere più divertenti. Perché non coinvolgerli allora anche nella preparazione di due semplicissime ricette? Le feste di Halloween saranno più spaventose ma soprattutto gustose.

Leggi tutto...

Corso Inglese Bambini

Mimi & Me

Corsi per bambini dai 3 ai 6 anni con insegnanti madrelingua e metodo Berlitz

 
Scuola inglese bambini

Corso Inglese Ragazzi

Global adventures - Time zones

Il corso per imparare la lingua esplorando il mondo e conoscendo nuove culture.

 
Corso inglese ragazzi

Esami Cambridge

La conoscenza delle lingue rappresenta la chiave per il futuro di tutti i ragazzi.

 
Certificazioni inglese Cambridge